Il “new deal marketing”: la chiave dell’associazionismo on-line.

Modello city

 

La società di oggi

In una società complessa come la nostra, il dovere delle istituzioni nei confronti dei cittadini (nell’ambito della tutela dei suoi diritti e nell’offerta organizzativa di beni e servizi di prima necessità) è elemento imprescindibile. Tuttavia questo non sempre è possibile, anzi, troppe volte i singoli individui vengono letteralmente travolti da burocrazia e apparati complessi; personale inadeguato e uffici inefficienti. Il cittadino moderno si ritrova sempre più in difficoltà, deluso dal sistema e da tutto ciò che lo circonda. La libertà che cerca, anche attraverso le istituzione che lo rappresentano, lo priva della sua capacità di movimento e finisce con l’essere proiettato in una dimensione cittadina sempre più vicina all’oblio e alla cancellazione lenta del proprio diritto di cittadinanza.

Il problema del moderno

E’ questo l’emblema di un bizzarro paradosso metropolitano: istituzioni politiche, cittadini e progresso non riescono più a dialogare tra loro e con quella idea di modernità che ci sono dati. Si apre uno stargate sul passato per illuderci di costruire un futuro migliore ma, alla fine, si finisce tutti col farci la guerra pur di sopravvivere al presente. Oggi più di ieri abbiamo a disposizione molte opportunità di comunicazione ma, paradossalmente, mancano sempre più interlocutori validi in grado di dare voce ai bisogni della base.

L’importanza della rete globale nell’associazionismo

In un contesto del genere, l’importanza della rete diventa preponderante nell’individuazione dei bisogni e delle necessità della collettività. Internet, oltre alla mercificazione di ogni valore sociale che svuota la vita di ognuno di noi, deve invece offrire a chiunque concrete possibilità di obiettare. Poter esporre le proprie idee (fossero anche solo problemi) ed avere la possibilità di raggiungere interlocutori capaci di ascoltare è il primo passo verso una società a struttura rinforzata. Bisogna, in altre parole, imparare a capire che dietro le domande della gente spesso si celano quelle risposte necessarie per costruire una società migliore di quella attuale. Puntare sulla crescita civile e sociale del singolo individuo significa proiettarsi domani verso un altro modello di collettività. In altre parole: più reale.

Quale strada per il new deal marketing

In questo, la strada suggerita da Obiettivo Italia è quella che punta alla trasformazione delle strategie dettate per il web marketing in “new deal marketing” nel contesto dell’associazionismo visto in chiave del tutto nuova . Una sorta di dialogo, di comprensione, attenzione e premura dell’individuo in grado di indicizzare (amplificandone la visibilità) i bisogni di una collettività sempre più emarginata ed abbandonata a se stessa. Un modello questo che può essere sviluppato insieme e implementato poi in un ambiente che è tipico del mondo dell’associazionismo e del volontariato. Partire da un’esperienza di vita che se ben veicolata può diventare un valore aggiunto da condividere con l’intera società civile. Svilupparla in modo tale da fornire feedback virali (cosa che oggi nessuno è in grado di fare) circa l’attendibilità o meno degli interlocutori che vi operano.

Sul punto, noi di Obiettivo Italia siamo già da tempo impegnati a sviluppare un modello sociale di questo tipo puntando soprattutto a diventare un crocevia di cittadinanza grazie proprio ad un meccanismo sempre più credibile di partecipazione diretta della base.

(a cura di Obiettivo Italia)

Tags:

About

View all posts by